Tutti i nodi di u settore di l’automobile per Urso

Tutti i nodi di u settore di l'automobile per Urso

U ministru Adolfo Urso hà intenzione di "riportà alcune produzioni cruciali". Ma u settore automobilisticu talianu hè in fattu inchiodatu è risicate, più chè tanti altri in Auropa (induve ci sò digià gigafactories attivi), di soffre di a cumpetizione cinese.

"U prublema di a sovranità tecnologica hè cresciutu cù una forza crescente in l'ultimi anni, è hà literalmente esplositu cù l'invasione di l'Ucraina da a Russia. Hè un prublema talianu, ma ancu aurupeu in generale : ci vole à ritruvà in casa, nant’à u cuntinente aurupeu, quandu l’ecunumia di scala ùn permette micca una suluzione naziunale, qualchì pruduzzione cruciale ». Cusì, à a Stampa , Adolfo Urso, novu Ministru di l'Intraprese è u Made in Italy chì, fidu à u rebranding di u dipartimentu, identifica in a pruduzzione interna a suluzione per diverse sfide chì loom.

"Pensu – aghjunse – à i microchip chì sò fatti solu in Taiwan, di droni, ma ancu di batterie elettriche per e vitture di u futuru, o di pannelli solari. A transizione ecologica da i combustibili fossili à e rinnovabili ùn pò micca è ùn deve significà chì l'Europa passa da una dipendenza da u gasu russu à una nova dipendenza da e tecnulugii cinesi ". U novu inquilanu di u Sviluppu Ecunomicu face una sfida senza precedente : in più di i soliti disputi "rituali" per impedisce a chjusura di certi attori maiò in crisa dapoi qualchì tempu, ci hè un settore sanu, u settore di l'automobilistiche, in fatti sbattutu.

Da stu puntu di vista ci hè una cuntinuità di pensamentu cù u predecessore, Giancarlu Giorgetti , oghje in l'Ecunumia. L'esponente di a Lega Nordu, qualchì settimana fà, avia difatti spressu seri dubbii annantu à a corsa europea versu l'electricità : « ci vole à fà un ragiunamentu chì vada oltre l'ambizione di fà una transizione verde versu un mondu più sustenibile, ma chì ancu piglia in contu di missioni strategiche, per esempiu induve venenu i cumpunenti chì sò usati in a vittura elettrica, per ùn truvà dumane in a stessa situazione cù a Cina, cum'è simu oghje cù a Russia ". È questu « tenendu ancu in contu a realità di a nostra manifattura, u nostru sistema ecunomicu è i numerosi travagliadori impiegati in stu settore ».

Giorgetti, ancu di pocu tempu, avia ancu ammissu a sfarenza di vista trà Roma è Bruxelles : « avemu negoziatu, avemu ottenutu picculi risultati. Ciò chì hè pusitivu, in u mo parè, hè chì in i tempi recenti sta tipu di duttrina non-contestable hè stata interrugata: ci sò i pruduttori di vitture chì anu tornatu i so passi è anu capitu chì l'approcciu ghjustu hè a neutralità tecnologica. Ùn ci hè micca solu l'electricità, ma ancu altre manere di ottene l'ugettivi di a sustenibilità ambientale ". Per quelli chì travaglianu in u settore, sapendu chì ci hè un scopu cumunu trà i dui dipartimenti hè certamente una bona nutizia. L'unicu, prubabilmente, in un paisaghju sempre più lugubre.

In un'altra intervista, liberata à Il Sole 24 Ore , Urso hà identificatu e priorità: "Serà necessariu d'investisce assai in l'innuvazione è in a catena di supply supply, chì hè per quessa chì l'Italia hè implicata in dui grandi prughjetti chjamati Ipcei nantu à batterie per quasi. un miliardo è mezu. À questi sò aghjuntu Pnrr è misure ordinarie. Risorse significative chì saranu impegnate in un pianu strategicu chjaru ».

"Finu à u 2024 – aghjunse – sò stati programati incentivi (sia da u latu di l'offerta sia di a dumanda) è arnesi per i prucessi d'innuvazione chì, attraversu a neutralità tecnologica, ghjunghjenu à a sustenibilità di u cambiamentu: un ughjettu chì tutti ricunnoscemu cum'è essenziale. Prestu esceremu cù una nova chjama à pruposte nantu à l'accordi di innuvazione chì s'incarcerà nant'à stu tema ».

In quantu à Stellantis, chì parla di più in più in francese (ne parleremu di novu à pocu tempu, in u quartu ultimu paràgrafu di st'articulu), hà dettu : « Ci vole à agisce cù i stessi motivi per assicurà a transizione ecologica in i tempi stabiliti ma. salvaguardà a supply chain di l'automobile. Italian, cù i so marchi di eccellenza ", mentri nantu à u futuru gigafactory in Termoli: "Deve esse un duppiu impegnu: a gigafactory deve esse cumminata cù a pruduzzione di u Cinquecento elettricu in a pianta Mirafiori. Semu in dialogu cù Stellantis, in l'interessu di u paese chì crede chì coincide cù l'interessu di a cumpagnia ».

L'ASSENZA DI GIGAFACTORY

Perchè l'Italia ùn hà ancu un pianu industriale in quantu à a transizione in corso : hà una supply chain chì pruduce mutori ma ùn cerca (cum'è l'UE, per quessa) carburanti alternativi. Paragunatu à u restu di u Vechju Cuntinente, u nostru paese ùn si move mancu cun cunvinzione versu l'electricità: mentre Spagna , Francia è Germania si preparanu è attiranu investitori per custruisce una gigafabrica, avemu sempre da definisce i dettagli di u prugettu. chì si firmò in u ghjocu per via di u cambiamentu di guvernu) è à u listessu tempu quellu di Silk-Faw pare sguassà.

Un immobilità chì significa chì l'Italia hà ancu una prisenza marginale in u novu natu Upcell Alliance , un'associu di 36 realità industriali è accademichi sustinuti da u guvernu di Catalogna, u guvernu francese è urganisazioni pubbliche europee è francesi cum'è Nouveaux Systèmes Energétiques (NSE). Associu francese di l'industria di l'automobile (PFA), Cluster Auvergne Rhônes-Alpes (CARA), EIT InnoEnergy è EVOLIS, chì rapprisenta i fornitori di beni d'investimentu è di machini per a pruduzzione industriale per prumove a supply chain di batterie. À u mumentu per u nostru paese ci sò solu Comau, a cumpagnia di robotica è automatizazione industriale di u gruppu Stellantis di Torino, è u Politecnicu di Milano.

L'ULTIMA ALLARME DI L'AUTOMOTIVE UE

Perchè hè faciule di dì chì duvemu esse menu dipindenti di a Cina è "riportà in casa", cum'è Urso annuncia, settori interi, ma a realità hè chì, in un mondu sempre più globalizatu (è l'attuale mappa di i fornitori di l'auto EV prova). it) o ​​ci movemu à l'unison, trà i 27 paesi di l'UE, o l'Italia sola puderà fà pocu. È s'è l'Italia pienghje, u restu di l'Auropa certamenti ùn hè micca megliu.

In l'ultime ore Clepa (chì riunisce i fornitori), Acea (costruttori), Cecra (commercianti è riparatori), Ceemet (imprese di metallurgia) è Etrma (pneumatici) anu in fattu firmatu una nota cumuna appellu à a pulitica per sottolineare cumu "L'aumentu di l'energia è l'aumentu di i costi di produzzione mettenu una tensione à tuttu l'ecosistema di l'automobile. Alti tassi d'inflazione, preoccupazioni senza precedente nantu à i prezzi di l'energia è l'offerta è i redditi più bassi per l'Europeani alarmanu tutta a catena di furnimentu, da i più grandi pruduttori à e più chjuche PMI, è ancu u mercatu dopu ".

"FAI QUALCOSA PER DIFENDI NOI DA CINA E USA"

U settore sprime ancu dubbii annantu à e "incertezze persistenti nantu à l'implementazione è l'efficacità" di e misure intraprese è per quessa chjamanu urgente "un dialogu strutturatu". Ancu perchè l'UE ùn face nunda per prutegge l'imprese automobilistiche da l'imbarcu di e marche cinesi (parechji marche novi debutaranu in i prossimi mesi) è da u prutezzione di i Stati Uniti.

In un scenariu simili, spiegà l'attori in a catena di furnimentu, "L'industria ùn pò micca assorbire tali costi elevati à longu andà, soprattuttu in fronte di a cumpetizione" da i Stati Uniti o da a Cina, in più avà chì i prezzi di l'electricità è di u gasu "minanu glubale". competitività di l'industria di l'UE è necessitanu una risposta pulitica cumpleta è coordinata. Avemu bisognu di un campu di ghjocu uguale in u mondu ".

BET ON NEUTRALITÀ TECNULUGICA

È datu chì ghjucà tuttu cù l'electricità significa furzà a catena di supply endotermica di a nostra casa per chjude, u novu guvernu hà intenzione di portà "un accostu à l'industria di l'Automotive basatu nantu à a neutralità tecnologica", cum'è hà dettu u novu Ministru di l'Ambiente è di l'Energia. Sicurezza, Gilberto Pichetto , parlante per telefonu à #FORUMAutoMotive .

"A pusizioni di u novu guvernu hè una di cuntinuità cù u rispettu di l'esecutivu Draghi nantu à a neutralità tecnologica: ci vole à cuncilià i bisogni ecunomichi, industriali è di produzzione di un grande paese cum'è l'Italia è u pesu di l'industria di l'automobile, cù quale hè u scopu. di zero emissioni è transizione à l'electricità o à i carburanti non contaminanti è chì ùn alteranu micca u clima ", hà precisatu u novu pruprietariu di l'Ambiente. Meno armunia, però, cù l'istituzioni europee, soprattuttu cù riferimentu à u Fit for 55 chì Roma guarda avà "cun prudenza, realisimu è serietà".

In cortu, sicondu Picchetto "ci tocca à truvà un puntu di cunvergenza trà i diversi punti di vista", comu era "a pusizioni duranti lu guvernu Draghi, ma chì hè quellu chì avemu pigliatu" cù u novu Primu Ministru, Giorgia Meloni . "A prisenza in a squadra di l'anzianu ministru Roberto Cingolani , chì hà da ghjucà un rolu di cunsultante per u Ministeru, ci permetterà di prisentà inseme à livellu europeu una Italia più forte, cù i guverni sortanti è entranti uniti in a presentazione di u so puntu di vista. cummentatu.

INDUVÀ VA STELLANTIS ?

Parlendu di u Made in Italy, u novu esecutivu hà da svià à pusà à tavula ancu cù un Stellantis chì, sicondu troppu osservatori, parla sempre più francese è menu menu talianu, cum'è anticipatu prima. A nostra casa ùn hà micca avutu l'ecu chì l'ultime dichjarazioni bombastiche di Carlos Tavares , CEO di u Gruppu, avissiru meritatu à u Salone di l'Automobile di Parigi u mese passatu: "U nostru impegnu per a neutralità di carbone in u 2038, prima di tutti i nostri cuncurrenti, hè benefiziu. Francia induva simu è continuerà à esse senza dubbitu u attore di riferimentu cummerciale è industriale cù 12 mudelli elettrici pruduciuti cù fierezza è passione da i nostri impiegati in e nostre 12 fabbriche di assemblage è cumpunenti ».

L'AUTUTA ITALIANA IN NUMERI

Da un puntu di vista di l'impieghi, l'intera catena di fornitura di l'automobile italiana era cumposta in u 2020 di più di 186.000 impiegati in un totale di più di 2.800 imprese. In particulare, 0,7% di l'imprese sò impegnati in a fabricazione di trattori agriculi (impiegendu 4,6% di l'impiegati totali), mentre chì più di 12% di l'imprese cunsiderate sò implicati in a produzzione di motociclette è i so accessori, impiegendu 5 , 8% di impiegati. In più di questu, se vulemu analizà u settore di l'automobile da a perspettiva di una catena di fornitura allargata, u settore di a manutenzione meccanica è a riparazione di i veiculi, di i sistemi elettrici cunnessi, di a carrozzeria, di i pneumatici è di a riparazione è di a manutenzione di i veiculi. trattori agriculi, deve dinù esse cunsideratu.più di 67 mila cumpagnii per un totale di circa 196 mila impiegati.

Si pò dunque dì chì in a catena di fornitura estesa di l'automobile, in 2020, circa 383 mila persone sò impiegati in più di 70 mila imprese. In particulare, u settore di i cumpunenti (chì significa a fabricazione di carrozzeria, apparecchi elettrici è elettronichi è altre parti è accessori per i veiculi è i so mutori) hà più di 101 000 impiegati (in più di 2 300 cumpagnie).

Ingressu in a dinamica di i codici ATECO individuali chì custituiscenu a catena di supply, in u periodu 2012 – 2020, l'imprese in u settore di a fabricazione di l'equipaggiu elettronicu mostranu una crescita di + 110,4% è un aumentu relativo in u numeru di impiegati di + 27,3% ; à u cuntrariu, l'imprese chì trattanu di a riparazione di u listessu equipamentu è sistemi di start-up diminuinu da -39,2% inseme cù una diminuzione di u numeru di impiegati di -40,6%. I dati ponu indicà chì, in u casu di parti elettriche è elettroniche, ci hè menu ricorsu à u mantenimentu è a riparazione chè per esempiu per i pezzi meccanichi.

À QUANTI TRAVAGLIARI A TRANSIZIONE IMPATTA?

Sicondu una ricerca recente Uilm , 40-45% di l'impiegati italiani di i codici ATECO seranu direttamente implicati in a transizione di l'automobile. I settori più risichi sò quelli strettamente ligati à a produzzione di u mutore di combustione interna è i so cumpunenti.

In particulare, u settore cù a più alta quota d'impattu (70%) hè quellu di "Fabricazione di altre parti è accessori per i veiculi è i so mutori" (29320) per un totale di più di 53 000 impiegati chì puderanu soffre un impattu per via di a transizione à elettricu. Questu hè seguitatu da "Fabricazione di l'equipaggiu elettricu è elettronicu per i veiculi è i so mutori" (29310) è "Riparazioni meccaniche di i veiculi" (45201) cù una quota di 50%, per un totale di più di 57 mila travagliadori affettati. Per d 'altra banda, quelli settori chì pruducenu cumpunenti chì ùn deve micca sottumessu cambiamenti sustanziali in a transizione sò menu à risicu, cum'è "Fabricazione di corpi per veiculi, rimorchi è semi-rimorchi" (29200), "Fabricazione di veiculi di mutore" (29100), "Riparazione di sistemi elettrici è di putenza per i veiculi" (45203).

E SI GUARDIAmu À L'IDROGENU ?

Opttà per i biocarburanti o tecnulugie di l'idrogenu ci permetterebbe di salvà una parte di a supply chain senza implementà e rivoluzioni copernicane, è ghjè per quessa chì, cù u ritornu di un mondu chì cuntrasta l'Oriente à l'Occidenti, sempre più attori ci pensanu . , per ùn dipende micca da a Cina ( ancu certi tedeschi , trà i più cunvinti d'investisce in u Dragone), ma in questu casu avemu da batte i nostri pugni nantu à a tavula in Europa, perchè Bruxelles (chì intantu, almenu in u fronte di emissioni, secondu à Politicu pò avè abbandunatu a decisione di stringhje i ligami per include solu i motori Euro7) pare dispostu à piglià a strada versu l'elettricu, rendendu l'altri suluzioni svantaghji.


Questa hè una traduzzione automatica da a lingua italiana di un post publicatu in StartMag à l’URL https://www.startmag.it/smartcity/tutti-i-nodi-dellautomotive-per-urso/ u Wed, 02 Nov 2022 06:47:41 +0000.