Malgioglio et la légende de la bannière qui n’était pas là

Malgioglio et la légende de la bannière qui n'était pas là

Ieri, u presidente di a Republica Sergio Mattarella hà cunferitu, motu proprio , 33 onori à u Meritu di a Republica Italiana à i citadini chì si sò distinti per atti di héroïsmu, per u so impegnu à a solidarietà, u travagliu volontariu è l'attività in favore di l'inclusione suciale, in a cuuperazione internaziunale, in a prumuzione di a cultura, a legalità, u dirittu à a salute è i diritti di i zitelli.

Frà i vincitori era Astutillo Malgioglio, una legenda – chì dà u nome – di i zitelli chì amavanu ghjucà cù i stickers Panini. 63 anni, anticu portiere di Bologna, Brescia, Pistoiese, AS Roma, Lazio, Inter è Atalanta, hè statu numinatu Ufficiale di l'Ordine di u Meritu di a Republica Italiana "per u so impegnu constantu è curaggiu in favore di l'assistenza è l'integrazione di i zitelli. cù distrofia ". Malgioglio, infatti, hà fundatu l'associu "ERA 77" per a ricuperazione mutore di i zitelli chì soffrenu di distrofia, chjusu in u 2001 per mancanza di fondi derivanti ancu da a mancanza d'interessu in u mondu di u football.

MALGIOGLIO ET QUEL "GEST D'INFAME"

Eppuru, cume per i stickers è l'attività caritative, Malgioglio parla ancu di un gestu incridibile nantu à u campu, u peghju chì un fan di football puderia cuncepisce : sputà nantu à a cammisa ch'ellu portava, quella di u Lazio.

Era u 9 di marzu di u 1986 , campionatu di Serie B, in i campi di Lazio è Vicenza per una partita incridibile chì s'hè finita 3-4 per i bianchi è rossi cù qualchì gaffe di Malgioglio. Lazio era in disordine : era a cumpagnia, sempre di u poviru Giorgio Chinaglia, autore di parechji sbagli è abbandunata da i patrocinatori chì avianu traditu e so prumesse (Warner Bros. è Coca Cola) ; è cusì era a squadra, guidata da Gigi Simoni, u « mago di Crevalcore », cusì soprannominatu per l’innumerevoli prumuzioni in a categuria, ma si ritrova à gestisce un disastru.

Ddu ghjornu, a Lazio era sempre in corsa per a Serie A è 35.000 sustenevanu a squadra in i tribune di l'Olimpico. La Lazio qui s'avança subit 2-0, mais vers la fin de la première mi-temps arrivait le premier canard de Malgioglio, suivi de l'égalité de Vicenza. A vinti minuti da a fine l'attaccante biancoceleste Oliviero Garlini marca u 3-2 è pare fattu, ma Vicenza ùn rinuncia micca è rende 3-3, finu à l'incredibile anatra finale di Malgioglio nantu à un colpu innocu di Montanari. Dopu à u gol, u portiere, inevitabbilmente disputatu, perde u capu è pocu dopu, esce da u campu, face ciò chì i tifosi di a Lazio anu chjamatu "u gestu infame" : si toglie a maglia, sputa è sputa. U campiunatu di a Lazio s'hè finitu quellu ghjornu, infatti, cum'è a carriera di Astutillo Malgioglio, fora di qualchì apparizione sporadica in l'anni dopu.

A LEGENDA DI U BANNER CHE NON CERA

In a Gazzetta dello Sport d'oghje , in una pagina dedicata à Malgioglio è à u so onore, u fattu hè cuntatu, accumpagnatu da una legenda chì hè ghjunta in l'ultimi anni. A reazione di Malgioglio hè stata in fattu per una striscione terribile cù e parolle "Torna à i vostri mostri" affissate dopu à l'anatra finale. Un gestu à dì u minimu per esse cundannatu. S'ellu era mai accadutu, è di quale, in ogni casu, ùn ci hè nimu chì hè una dichjarazione di Malgioglio in questu sensu, chì risponde sempre di manera vaga parlendu di disputi pisanti.

Ricustruemu. Quellu ghjornu i riazzioni negativi à u gestu di Malgioglio eranu unanimi. U presidente di u Lazio Franco Chimenti (oghje presidente di a Federazione Italiana di Golf) li mandò subitu un telegramma chì l'informava ch'ellu l'avia suspesu. Nisuna riferimentu à a presunta bandiera ancu da u coach Gigi Simoni, una di e persone più belle di u football talianu di quelli anni: " Avia u sintimu d'esse perseguitatu, forse perchè vene da Roma. I fans, qualchì stampa… A so splutazioni era una altra volta di u destinu. Nanzu à u quartu gol, hè surtitu male è hà ricevutu una raffica di fischi: u so mondu hà colapsatu ". Quelques jours plus tard, Gianni Mura en écrit aussi dans la Repubblica : des plaintes, même lourdes et indicibles, qui se sont déroulées sur le terrain d'entraînement et non à la différence de celles subies auparavant à Brescia, mais sans bannière. E i rapporti TV nantu à a partita ? Ùn ci hè nunda, postu chì ùn avemu micca intesu parlà di quella presunta bandiera dapoi anni.

"STI CULURI VALEN PIÙ CHE TANTE PAROLE"

Eppuru Malgioglio ùn hà più ghjucatu cù a Lazio è à a fine di a stagione si trasfirìu à l'Inter, chjamatu da Trapattoni per esse u diputatu di Walter Zenga. Ma, essendu u destinu cinicu è ingannatore, u 4 di marzu di u 1990 si ritrova à ghjucà cum'è starter. È induve si micca contr'à u Lazio ?

Per l'Inter di i record di campioni in carica, ci hè una casa piena à u stadiu Flaminio (l'Olimpico era rinnuvatu per a Copa Mondiale 1990). Malgioglio – chì prima di a partita, in una intervista cù l'Unità , spiegò u mutivu di u so gestu senza chjamà alcuna striscia – hè perplessu s'ellu deve ghjucà o micca, ma u presidente Nerazzurri Pellegrini è Trap u cunvince. U portiere si prisenta nantu à u campu cù qualchi fiori è li porta à a Curva Nord. U fan di football, però, hà a memoria di un elefante, è quattru anni da u fattu ùn sò nunda: da a curva (è micca solu) l'uggetti di ogni tipu ghjunghjenu nantu à u campu, accumpagnati da cori è mille bandiere Biancocelesti cù una bandiera. – sta volta veramente – cù nantu à scritta "Sti culori valenu più chè parechje parolle".

È quì chì a quistione per Malgioglio suscitarà spontaneamente, ancu s'è nimu ghjurnalistu ùn l'hà mai dumandatu : vi scrivenu (si dirà dopu) "Tornate à i vostri mostri" è portate un po' di fiori è e vostre scuse à quelli chì avarianu. scritte parolle cusì vergognose? Eppuru quellu ghjornu chì a Lazio vincìu, Malgioglio era u megliu in u campu per l'Inter, è nimu hà mintuvatu a presunta bandiera.

Da tandu, u silenziu hè falatu nant’à sta storia, è Malgioglio ellu stessu ùn ne ne face mai una menzione chjara ancu in u corsu di l’entrevista di l’ultimi anni, cum’è per esempiu. in st'entrevista cù u Corriere della Sera o in st'amarcord chì li hà dedicatu da a rivista "La Roma".

Ma tandu, dapoi qualchì annu, i siti è i ghjurnali signalanu un fattu chì ùn hè micca cusì, chì Malgioglio hè attentu à ùn cunfirmà o negà, è chì nimu ùn supplicheghja d’andà à verificà. Di sicuru, l'anzianu portiere hà patitu lagnanze spiacevoli, sfurtunatamenti a normalità in parechji stadi di football, ma di sicuru nunda di sfarente chè – per fà un esempiu – a persecuzione subita da Giorgio Chinaglia è a so famiglia da i fan di l'AS Roma, tantu chì Long John's a moglia hà decisu di vultà in i Stati Uniti è u centru di u Lazio hà seguitu pocu dopu.

En résumé, dans la Gazzetta dello Sport (mais pas seulement), dont le guide est de forte foi romaniste et qui mene depuis deux ans une campagne contre la Lazio et son président Claudio Lotito, détesté par l'éditeur Urbano Cairo, a été écrit quelque chose. chì ùn currisponde à a verità. Più fangu poi nant'à un sustenidori chì prova à fà un cambiamentu – dopu à certi cumpurtamenti inadegwate in l'ultimi anni – cù iniziative cum'è quella di u "bigliettu suspesu" urganizatu da u gruppu "Lazio è libertà" in vista di Lazio-Juventus a settimana prossima. .


Questa hè una traduzzione automatica da a lingua italiana di un post publicatu in StartMag à l’URL https://www.startmag.it/mondo/malgioglio-e-la-leggenda-dello-striscione-che-non-cera/ u Sun, 14 Nov 2021 14:27:41 +0000.