Macleod: Ci hè Just Troppu Liquidità ‘Darn’

Macleod: Ci hè ghjustu troppu liquidità 'Darn'

Autore di Alasdair Macleod via GoldMoney.com,

Ieri, u FOMC hà publicatu a so dichjarazione di ghjugnu chì hà servutu solu per ramintà chì i so membri sò impotenti di pettu à e cundizioni di l'inflazione. Ricusanu di accettà e cunsequenze di i prezzi di l'inflazione monetaria, appiccicati sempre à una speranza sempre più insostenibile chì l'aumentu di u prezzu sia "transitoriu".

U fattu hè chì u mondu hè avà inundatu di soldi in eccessu , i dui più grandi inflazionisti essendu a Fed è a Banca d'Inghilterra. In i Stati Uniti, u QE mensile di 120 miliardi di dollari di a Fed cuntinua à valurizà l'assi finanziarii, mentre chì u Guvernu di i Stati Uniti hà spesu un trilione di più in circulazione da u so contu generale à a Fed. Questa onda di marea hà minacciatu i fondi di u mercatu monetariu per un total di più di 4 trilioni di dollari cun tassi negativi, cusì "rompendu u soldu", hè per quessa chì a Fed hà aumentatu i so rimborsi inversi eccezziunali à 721 miliardi di dollari.

I tassi d'interessu duveranu aumentà assai prima di ciò chì a Fed ammette di piantà i stranieri chì scaricanu dollari, micca solu per e materie prime chì sò quasi radduppiate da marzu 2020, ma ancu per altre valute.

Benvenuti à a bolla di tuttu, sbattuta da decisori pulitichi neo-keynesiani americani è britannichi chì sò oramai sempre più accucinati da e so proprie fallezze monetarie.

Introduzione

Per cortesia di e banche centrali, u mondu hè ingutuppatu in una bolla di tuttu. Aviamu avutu a più cunnuscenza di a straordinaria stampa di soldi di a Banca di u Giappone per accantà u mercatu ETF giappunese – ma questu ùn hè più un sughjettu di cunversazione. A Banca di u Giappone pussede avà circa 48 miliardi di ¥ investiti in ETF (447 miliardi di dollari), a rampa di stock di stampa di soldi più aggressiva in u stilu di John Law è a so bolla di u Mississippi paragunata à a dimensione di u mercatu in i tempi muderni. Ma i pianificatori monetarii d'oghje anu scartatu l'evidenza empirica di qualsiasi periculu cum'è pre-keynesiana, è dunque irrilevante.

A peghju inflazione ùn hè micca per i Giappunesi ma per l'Anglo-Sassoni, cum'è a Figura 1 illustra, chì data di prima l'introduzione di misure straordinarie da e banche centrali dopu a crisa di Lehman.

Quellu chì sperava chì a risposta inflazionista à a crisa finanziaria di u 2008/09 fussi solu un evenimentu puntuale serà tristemente disillusu. È chiunque pensessi chì a Cina, o u Giappone cù i so soldi eranu e nazioni più irresponsabili – una percezione cumuna pocu fà, averianu ancu sbagliatu. Ancu a BCE pare relativamente moderata, paragunata à i britannichi è americani.

Benintesa, oltre à l'espansione di i bilanci di a banca centrale ci sò altri fattori in a politica monetaria chì pudemu cun etichetta di ghjustificazione cum'è inflazionista. Ma hè interessante chì l'economistu capimachja di a Banca d'Inghilterra hà sceltu sta statina di lascià a Banca, dicidendu in listessu tempu di ùn piddà più a linea ufficiale nantu à a crescita di i prezzi. Mentre chì alcuni di i so culleghi di u Cumitatu di Politica Monetaria sò stati recentemente radicati per i tassi d'interessu negativi è da u Guvernatore falanu avà dicendu chì i prezzi crescenti sò solu temporanei, Andrew Haldane sembra scappà. È ci hè da dumandassi perchè a sterlina ùn si indebolisce cù u dollaru, data a sulidarità di a Banca d'Inghilterra cù a Fed in termini di pulitiche monetarie cumune. U messagiu da a Figura 1 hè chì a sterlina, chì hè cullata da 1,15 $ à u fondu di a debolezza di u dollaru à 1,41 attualmente, ùn duverebbe micca esse riunita assai – in particulare chì u valore percepitu di u dividend di Brexit hè sustituitu da l'effetti ecunomichi di Covid è i so lockdowns estesi.

Pruvviduta da u lanciamentu di un pacchettu di stimulu Covid di 1 trilione di euro sta settimana, a distruzzione da a BCE hè ecunomica è monetaria. L'effettu hè di mantene i rendimenti di e obbligazioni di l'Eurozona suppressi (leghjite questu cum'è un prezzu scarsu), cù ancu l'Italia in fallimentu chì hà un rendimentu di bonu di u guvernu decennale sub-1%. Cunniscimu tutti, o duvemu sapè, u veru scopu di stu stimulu, è chì hè di finanzà è di facilità ancu u futuru finanzamentu di i guverni pruligati di a zona euro. Ùn vi maravigliate se l'imprese pruduttive ùn ne ottenenu nunda. È presumibbilmente, senza u cunservativisimu monetariu di a Bundesbank, a BCE emette ancu di più euro.

A Cina esce da questu paragone relativamente bè. L'espansione di u bilanciu di u PBOC hè stata a più chjuca in termini percentuali da una longa strada, u so debitu di u guvernu à u PIB hè u più bassu per gradi di magnitudine, è i pianificatori di pulitiche di u PBOC anu messu u frenu à l'espansione di u creditu per a parte migliore di un annu. Questu suggerisce chì u yuan hè significativamente sottovalutatu contr'à i dollari, cù u futuru potenziale per attirà flussi di capitali interni, circhendu di scappà da e valute in diminuzione di e nazioni più difficiule.

Duvemu tene à mente l'approcciu diversu di a Cina, perchè e cunsequenze geopolitiche di un yen più forte chì diventerà attraente per i flussi internaziunali di capitali purtaranu à un cuntrastu evidente trà i Stati Uniti chì impoveriscenu a so pupulazione attraversu u svalutamentu di e valute, mentre i Cinesi godenu di un livellu di vita chì migliora. Inoltre, a menu chì l'Americani decidenu improvvisamente di diminuire e so spese è aumentà i so risparmi, u surplus commerciale di a Cina cù i Stati Uniti continuerà à aumentà. Malgradu u rallentamentu di a crescita monetaria riflessa in i numeri di u PIL, i Cinesi parenu esse in una pusizione assai più forte di i so omologhi occidentali, sia economicamente sia monetarmente.

E cunsequenze di l'espansione monetaria in ogni locu sò destinate à cunduce à l'aumentu di i prezzi, riflettendu a perdita di u putere d'acquistu per diluisce e valute naziunali. Finu à avà, l'usu d'indici di prezzi à u cunsumadore strettamente cuntrullati per piattà e prove hà piattatu a vera misura di a crescita di i prezzi, dendu risposte à u scopu di circa u dui per centu in tuttu u circondu. Ma hè cusì formidibile a diluzione monetaria postu chì i chjusi di Covid diventanu chì a realità di a crescita di i prezzi per l'essenziali cum'è l'alimentu è l'energia diventa tutta à evidenti, è i prezzi cumincianu à spluttà in altu.

In a Figura 1 quì sopra, guidendu a carica hè u dollaru US, chì duverebbe preoccupassi tutti, perchè hè a valuta di riserva di tutti l'altri. E mentre dichjarazioni simili emanu da u Cumitatu di Politica Monetaria di a Banca d'Anglaterra, sò quelle di u FOMC di a Fed, chì si sò riunite sta settimana, chì anu sempre un significatu glubale.

U prublema di u FOMC

A stampa monetaria di a Fed hà continuatu à ritmu rapidu, à tal puntu chì e forti distorsioni di u mercatu a riflettenu, ancu per quelli chì anu una visione ecunomica gravemente compromessa. Quandu l'ecunumia di i Stati Uniti si riapre dopu à l'allentamentu di e restrizioni covid, i pianificatori di pulitiche si aspettavanu una domanda aumentata di soldi, riflettendu a crescita di a produzzione di beni di cunsumu per risponde à a dumanda è dunque di u capitale circulante necessariu. Ma fighjendu u creditu bancariu à i non finanziarii (prestiti è affitti in u tavulu H.8 di a Fed) ùn ci hè prova chì sta accadendu. Finu à avà, e banche ùn parenu micca esse disposte à prestà o forse i so clienti à piglià in prestitu, cum'è mostratu in u graficu di St Louis Fred sottu.

I prestiti è l'affitti anu vistu un aumentu prima di u lockdown, quandu e banche anu ricunnisciutu chì devenu ponte u flussu di cassa di i so clienti, o risicà di cunduceli in un territoriu imprudente. L'inventariu invendutu si stava accatastendu, chì in l'ultimu annu hè statu gradualmente liberatu, lascendu pocu o nisun pruduttu nantu à e scaffalature riducendu a necessità di capitale di travagliu.

Ma in una ecunumia agganciata à u soldu è l'espansione di u creditu, a Fed hà da tene à girà e piastre, ciò chì hà fattu è face sempre, passendu i mercati finanziarii cun 120 miliardi di dollari di QE ogni mese. Per a Fed hè vitale chì a fiducia di u mercatu sia intatta, è una iniezione mensile di QE senza precedenti avia questu scopu in mente. Cù i mercati di obbligazioni sottoscritti da l'acquistu di obbligazioni di a Fed per QE, u Tesoru di i Stati Uniti hà sappiutu raccoglie grandi quantità di soldi attraversu a vendita di obbligazioni in previsione di un livellu senza precedenti di spesa senza finanzamentu.

Trà elli i pianificatori di pulitiche di a Fed è di u Tesoru americanu anu fattu un errore impurtante. I keynesiani, chì mostranu poca simpatia cù l'ecunumia di l'offerta, anu cridutu chì a spesa di u cunsumadore à a fine di i blocchi cunduceria automaticamente à una pruduzzione aumentata. Invece, dopu à decennii di perfezziunamentu di i metudi di produzzione just-in-time, l'imprese sò state affruntate à una cumbinazione letale di continuu interruzzioni di a catena di furnimentu, prezzi più elevati di e materie prime è di e materie prime, è una forza di travagliu chì sembra riluttante à u ritornu à u travagliu. L'assunzione chì a stimolazione di u cunsumu scatenassi un rimbalzu automaticu in l'offerta di prudutti è servizi si rivela larga di u marcatu.

Se e banche sò state prudenti in i so prestiti hè stata cun una bona ragione, è ùn hè micca stupente chì i prestiti è i locazioni in creditu bancariu ùn anu micca aumentatu. S'ellu si tratta di e banche preoccupate per u risicu, o in queste condizioni, l'imprese chì ùn vedenu alcuna ragione per dumandà più capitale di travagliu senza a capacità produttiva per implementallu hè un puntu discutibile. Ma hè cumpletamente cunsistenti cù un fiascu catastroficu di u latu di l'offerta.

Per i cunsumatori hè piuttostu cum'è vestesi à u novu per assiste à una palla solu per truvà chì ùn ci hè nimu per ballà.

U prublema di liquidità era prevedibile

Senza l'espansione di a produzzione, ci hè un eccessu di liquidità in u sistema finanziariu americanu, ciò chì spiega perchè in l'ultime settimane i rendimenti di l'obligazioni sò calati è hè emersu un sintimu di cundizioni deflazionarie. Spiega un misteru scunnisciutu da certi cummentatori chì guardanu solu u latu collaterale di i repos inversi. A ragione per chì i repos inversi eccezziunali anu fattu un record di 721 miliardi di dollari ùn sò micca dovute à una garanzia insufficiente in u sistema bancariu, ma dopu avè troppu cotto, a Fed vede chì ci hè troppu liquidità inutilizzata. È aggravendu a situazione, invece di raccoglie soldi per a vendita di obbligazioni, u Tesoru di i Stati Uniti hà tracciatu u so saldu in u Contu Generale cù a Fed – mettendu tecnicamente soldi in circulazione chì ùn era micca prima.

Dapoi ottobre scorsu, circa un trilione di dollari sò apparuti in a pruvista di soldi in questu modu. È à u listessu tempu, a Fed hà publicatu quasi un trilione di più per QE. Tuttu questu eccessu di liquidità cun un sistema bancariu limitatu da a mancanza di capacità di u bilanciu minaccia chì i tassi d'interessu di u mercatu diventeranu negativi.

Se i tassi di u mercatu andavanu negativi, i fondi di u mercatu monetariu guasgi sicuramente "romperianu i soldi" purtendu à una crisa in u core di u sistema finanziariu per stu mercatu di 4,5 trilioni di dollari, chì i so investitori sò stati purtati à capisce chì i so fondi sò sicuri. A Fed hà rispostu à queste preoccupazioni fissendu a percentuale di repo inversa à 0,05% in a dichjarazione FOMC d'eri.

Ùn hè micca maravigghatu chì a Fed hà avutu à recuperà una parte di sta liquidità, per paura di cunduce i tassi d'interessu in un territoriu negativu. Questa situazione hè stata presagata in un articulu di Goldmoney di ferraghju scorsu , quandu aghju signalatu chì ci era un risicu chì questi eventi portanu à tassi d'interessu negativi imposti da u mercatu, in particulare se a Fed ùn hà micca allargatu a sospensione temporanea di u ratio di leva supplementare è aumentà u limite di contrapartita di 30 miliardi di dollari per u so stabilimentu di repo inversu. Hà aumentatu u limitu RRP à 80 miliardi di dollari ma ùn hà micca allargatu a sospensione SLR.

In Farraghju è in u mesi dopu à u quartu di fine, pudemu vede queste condizioni evolvendu. A differenza, almenu per a Fed, era a so cecità à i prublemi di l'offerta, è chì l'inflazione di i prezzi acceleraria rapidamente al di là di i limiti di u cuntrollu statisticu. È cù analisti indipendenti, cum'è John Williams à Shadowstats.com stimendu chì l'inflazione di i prezzi hè oramai più di 11% annuale, a distorsione in i mercati finanziarii inundata cun liquidità eccessiva à tassi d'interessu zero hè sempre più destabilizante.

A quistione per a Fed avà hè chì, cù tutte e so leve di politica anu fallitu, cumu si deve procedere? Se si diminuiscenu, u mercatu di i valori si guasgiarà sicuramente, minendu a preziata politica di a Fed di aduprà u mercatu di borsa per mantene tutti ottimisti. S'elli piglianu l'iniziativa in a crescita di i tassi d'interessu, ciò va contr'à a religione keynesiana è hè solu al di là di a contemplazione. Hè per quessa chì a pulitica predefinita in a dichjarazione FOMC d'eri era di dà u più breve di annuamenti à a minaccia di l'inflazione è di riaffirmà a cunvinzione chì lasciava solu u prublema sparirà.

I tassi di interessu devenu cresce

U signale ricevutu da i pianificatori di pulitiche da l'apparente mancanza di dumanda di soldi hè chì a deflazione hà a suprana, un argumentu ch'elli sò prubabile di mungere per tuttu u so valore: l'idea chì ci sia troppu soldi in u sistema raramente si elli. Ma cù l'offerta di soldi M1 à 19 trilioni di dollari in una economia di 20 trilioni di dollari …

Certu, i statisticisti anu sustinutu M1 di ferraghju scorsu trasfurmendu a maiò parte di M2 in questu, ma ferma u puntu chì ci hè troppu soldi in l'ecunumia paragunatu à l'attività ecunomica vera. Ci hè una latenza in a so assorbenza, chì significa chì u rigonfiu di liquidità hè solu tempurale prima chì i mercati si adattanu per questu. L'aghjustamentu emerge da a crescita di i prezzi perchè in mancanza di un incremento di risparmi hè u putere d'acquistu di a valuta chì cumpensa inevitabilmente l'eccessiva offerta monetaria sopra a vera dumanda per ella.

Sembra esse cunfusione in a mente di i macroeconomisti nantu à sta questione. À un mumentu induve u putere d'acquistu di u dollaru hè destinatu à calà, u pensamentu di u stabilimentu in i mercati sembra signalà una calata di l'attività ecunomica in cunfurmità cù e condizioni deflazionarie. In questu casu, i neo-keynesiani sustenenu chì a diminuzione di a dumanda porta à a calata di i prezzi; o mette in un altru modu una crescita di u putere d'acquistu di u dollaru. U prublema, quant'è spessu u casu, definisce a deflazione. S'ellu esiste – è questu hè apertu à dumande – implica una cuntrazione in a quantità totale di soldi è creditu, è e cunsequenze chì seguitanu, chì ùn hè micca a cundizione chì hè affrontata. È pudemu ragiunamente suppone chì ogni tendenza ulteriore per u creditu bancariu à i mutuatarii non finanziarii à cuntrattà serà più cà cuntrariata da l'aumenti di i deficit fiscali finanziati da l'espansione monetaria.

Per u statu per diventà u mutore chì guida l'ecunumia quandu i mercati liberi sò cunsiderati chì fallenu hè a filosofia keynesiana di basa. Intantu, cum'è per guidà l'argumentu di deflazione in casa, recentemente avemu vistu un stabilimentu in l'indice ponderatu di u cummerciu di u dollaru di più di 2% sopra i minimi recenti (ieri u TWI hè aumentatu 0.75%) è una recente caduta di i rendimenti di obbligazioni. A Figura 2 mostra u rendiment di u bonu di u Tesoru US di 10 anni è a figura 3 mostra u TWI di u dollaru.

Nisun dubbitu, i Fed è i vigilanti di a Fed seguitanu attentamente sti grafichi. Per elli, hè prubabilmente cunsulatu chì i mercati ùn parenu micca piglià una minaccia d'inflazione à u seriu quant'è i pochi cummentatori indipendenti chì anu avertitu chì i tassi d'interessu seranu custretti à cresce più tardi quest'annu – è micca più tardi in u 2022 cum'è i Trimmers in u FOMC hà avà suggeritu. Ma a visione dispassionate hè chì a minaccia di l'inflazione ùn hè micca solu vera, ma quandu i mercati si sveglianu ùn ci hè nunda chì a Fed o u Tesoru di i Stati Uniti ponu fà per prevene e cunsequenze.

A realità sottostante hè chì senza chì i tassi d'interessu sianu mantenuti à un tassu chì scoraggia i detentori stranieri à vende u dollaru sia per altre valute sia per "beni reali" cum'è e materie prime è e materie prime aduprate in u corsu di a produzzione, u putere d'acquistu di u u dollaru hà u putenziale di cascà dramaticamente. Stu fenomenu hè dighjà visibile in i prezzi di e materie prime, cum'è a Figura 4 illustra chjaramente.

Siccomu a Fed hà riduciutu i tassi d'interessu à u limitu zero in marzu 2020 è hà iniziatu QE di 120 miliardi di dollari ogni mese, a quasi radduppiazione di questu indice ci dice chì u putere d'acquistu di u dollaru in termini di materie prime hè quasi dimezzatu. U fattu chì u dollaru sia solu calatu di circa 13,7% contr'à l'euro (u più grande cumpunente di u so TWI) indica chì l'euro hà ancu persu u putere d'acquistu, ancu se micca à listessa misura chè u dollaru. Per a Fed di affirmà chì l'inflazione hè solu transitoria hè o esse disprezzu o ignurante di e teorie di u scambiu – ùn importa micca quale.

A Fed hè dighjà ghjudicata culpevule in u tribunale di i mercati di merci. Hè difficiule di vede cumu ùn serà micca ghjudicatu in modu simile da altre forme di evidenza, essendu e conseguenze più ampie di e pulitiche monetarie inflazionistiche. Cù a pruprietà straniera di l'assi finanziarii denominati in dollari è di depositi in contanti à 30 trilioni di dollari, u dollaru hè più espostu cà qualsiasi altra valuta significativa à u ghjudiziu di e borse. Di conseguenza, cume diventa chjaru per i stranieri chì a sovrapponderazione di i dollari ùn hè più sicura, u puntu negativu di u dilema Triffin diventerà manifestu.

Triffin hà descrittu a situazione induve l'emittente di una valuta di riserva deve implementà politiche inflazionistiche distruttive in ultima istanza per furnisce a domanda di u mondu per quessa, finu à chì una crisa di valuta porta inevitabilmente à u so ultimu rigettu. L'ultima crisa di tali tippu hè stata ancu davanti à un periodu di inflazione di u dollaru chì cresce, cuminciendu cù u fiascu di u bagnu d'oru di Londra à a fine di l'anni 60, seguitatu da l'abbandunamentu di l'accordu di Bretton Woods in Aostu 1971 è l'inflazione di i prezzi di u decenniu 1970 .

Oghje, distorsioni di u mercatu senza precedenti accumpagnate da l'accumulazione di statistiche disoneste è una cluelessness keynesiana hè assai più periculosa chè u fiascu di a piscina d'oru di Londra è a fine di Bretton Woods. Dunque, quandu u peghju di Triffin per u dollaru si materializza sta volta, pudemu aspettà chì u deterioramentu sia improvvisu è assai publicu. Ciò sembra descriverà a scogliera nantu à a quale simu avà seduti.

I monetaristi chì capiscenu, cum'è Milton Friedman l'hà dettu, chì l'inflazione hè sempre è in ogni locu un fenomenu monetariu, anu solu a metà di a storia. A so comprensione hè chì a relazione trà soldi è prezzi successivi hè essenzialmente meccanica. Ùn hè micca, cum'è attesta l'esempiu ben documentatu chì seguita. Tra aprile 1919 è marzu 1923, l'aumentu cumulativu di u debitu di u guvernu tedescu, vale à dì, a differenza trà i rivenuti è e spese finanziate da un mistu di risparmiu è inflazione monetaria, misurata in marchi d'oru era un aumentu di 203%. Eppuru, i marchi di carta senza ritornu in circulazione anu aumentatu 207 volte annantu à a listessa scala di tempu, è u so putere d'acquistu hè calatu da trè marchi di carta à una marca d'oru, à 5.047 à una. Dunque, un aumentu di a spesa governativa cumulativa, principalmente finanziata da l'inflazione, di 203% hà avutu un effettu sproporziunatamente destabilizante nantu à a valuta.

Solu dopu hà cuminciatu u crollu finale in a marca di carta, purtendu à un trilione di marche di carta à una marca d'oru in circa sei mesi. Hè ciò chì l'economistu austriacu von Mises hà chjamatu u boom di crack-up; u fenomenu per u quale u publicu generale, capendu infine chì a moneta di carta di u statu ùn avia mai da stabilizzassi, l'hà finalmente abbandunata per qualcosa, necessariu o micca.

A lezzione di questu è di assai altri racconti dispiacenti chì coinvolgenu valute emesse da u statu, sustenute da nunda di più cà una fede diminuita in l'emittente, hè chì u crollu di una valuta hè sempre inaspettatu da i so utenti, è quandu accade pò esse rapidu. Oghje, un risvegliu di u mercatu duverà accoglie una crisa di u mercatu di borsa, una crisa di u mercatu di obbligazioni è a realisazione chì tutti l'assi finanziarii sò cattivamente mispriced. Se John Williams à Shadowstats hà ragiò, è senza dubbitu, hè, allora una caduta di u putere d'acquistu di u dollaru attualmente annualizatu à più di 11% richiederà un tasso d'interessu adeguatu per cumpensà i detentori stranieri. Ma ancu una mossa di menu di a metà chì hà da caccià e sucietà indebitate è furzà u Guvernu americanu à accettà tagli di spese chì ùn hè simplicemente micca prontu à fà.

I so cunsiglieri sò keynesiani per un omu (o donna). Tempi fà anu scartatu a teoria ecunomica classica, è ùn offrenu micca suluzione, solu più cunsiglii pessimi. U cunsigliu hè prubabile di ghjittà più soldi à u prublema, per stabilizà i mercati borsari, finanzà u debitu di u guvernu in furia è sussidiare a produzzione industriale. Sò ancu prubabili di opinà chì un dollaru più bassu stimula l'attività ecunomica è forse chì i cuntrolli di i prezzi devenu esse introdutti.

Insemi cù l'assi denominati in dollari venduti da stranieri, a valuta hè destinata à cuntinuà u so crollu. Cum'è averiamu pussutu vede cù a demissione di u principale economistu di a Banca d'Inghilterra, e verità sgradevuli continueranu à esse rifiutate. È quandu u putere di compra di a valuta diminuisce, a dumanda publica per ella aumenterà, micca perchè si vole in , ma perchè u so putere d'acquistu diminuisce più veloce di quellu chì hè spintu in circulazione è più hè necessariu per copre ancu i livelli reali diminuenti di spesa.

Eccu ciò chì hà fattu chì e stampature travaglianu 24/7 in Germania in u 1923. Cù u denaru elettronicu, ùn ci hè alcuna limitazione fisica, è l'espansione di l'offerta monetaria piglierà una vita propria, putenzialmente accelerendu u prucessu. Ciò chì hè accadutu trà maghju è nuvembre 1923 quandu a marca di carta hà finalmente colpitu u muru puderia esse facilmente cumpressa in una questione di poche settimane.

Tyler Durden Ven, 18/06/2021 – 21:40


Questa hè una traduzzione automatica da l’inglese di un post publicatu nantu à ZeroHedge à l’URL http://feedproxy.google.com/~r/zerohedge/feed/~3/rqOrWCdfQnk/macleod-theres-just-too-much-darn-liquidity u Fri, 18 Jun 2021 18:40:00 PDT.