In Italia troppu burocrazia ferma u sviluppu durevule

In Italia troppu burocrazia ferma u sviluppu durevule

U Fondu di Riacquistu pò esse un'uccasione per rilancià u sviluppu durevule in Italia, ma i barrieri regulatori devenu esse eliminati

Eliminazione di e barriere regolatorie. Questa hè l'essenza di i auguri per l'Italia nantu à u sviluppu di u fotovoltaicu lanciatu da Fatih Birol, direttore di l'Agenzia Internaziunale di l'Energia (IEA).

Birol hè una autorità ricunnisciuta à livellu mundiale è parla à u Summit SolarPower in linea, hà anticipatu da pochi ghjorni u cuntenutu di u "World Energy Outlook 2020", editatu da a so agenzia. "I nostri numeri mostranu chì, se l'Europa riesce à perseguite u so scopu nettu di emissioni zero, in cinque anni, u fotovoltaicu serà a prima fonte di capacità elettrica, supirendu tutti l'altri", hà dettu. Un quadru affascinante chì hè surtitu da a tendenza di a dumanda mundiale in questu 2020 freneticu.

Cum'è ogni annu, u focus energeticu di l' AIE guarda à l'avvene. È questu 2020, chì serà annunziatu u 13 d'ottobre, guarda à i prossimi 10 anni. Un tempu durante u quale i paesi chì si dichjaranu verdi devenu accelerà nant'à e energie rinnovabili tutti inseme, senza ritardu è attacchi. Se u fotovoltaicu serà veramente l'energia purtatrice, duvemu esse cuscenti di u fattu chì e leggi naziunali devenu prima di tuttu aiutallu.

L'Italia, chì prevede di attribuisce un terzu di u Fondu di Riacquistu à u sviluppu ecosostenibile, hà davanti un'occasione unica. Dimustrate di sapè aduprà bè l'energia per rilancià a produzzione è u cunsumu.

"L'eliminazione di e barriere regulatorie – cummenta Raffaele Rossi, analista di SolarPower Europe – stimulerà u mercatu fotovoltaicu è sbloccherà mezu milione d'impieghi in u 2030".

Opere relative à e piante, investimenti, manodopera qualificata cù attività novi longu à a catena di valore. Ùn duvete micca complicà a vostra vita cù leggi o regulamenti chì ùn sò micca assai efficaci è applicati. Cù misure seducenti cum'è quelle chì i ministri di u conte bis ci danu ogni ghjornu, ma chì ponu sparisce in u labirintu di l'uffizii publichi. A burocrazia pò esse suffucata.

È eccu quì à u super bonus di 110% per l'energia efficiente. L'energia fotovoltaica installata hè in crescita in u paese, ma precisamente da u puntu regulatore di vista u guvernu hè statu bonu per complicà u successu di u bonus.

A deduzione di a spesa hè, in realtà, ligata à dui aspetti di puzzle: a creazione di un mantellu termicu è a calata di duie classi energetiche per ogni interventu. Ùn serà micca faciule fà questu in i condomini, induve u 70% di a pupulazione stà è induve per legge si deve travaglià di più.

I diseggiani è l'imprese anu signalatu questu, senza riceve risposta. Cum'è, dinò per via di a "rivoluzione energetica" di Conte, pò diventà problematicu per trasferisce u creditu di u superbonu à e banche per via di a solvibilità di a cumpagnia. Ùn serà micca faciule per e cumpagnie di u settore. In altre parolle, a pruvista più verde di i Giallorossi si rivela l'oppostu di quelle barriere chì a prestigiosa agenzia internaziunale pretende di abulisce.

"L'energia pulita deve esse à u centru di a ripresa economica glubale, postu chì offre una soluzione à e crisi finanziarie è climatiche", aghjusta Birol.

L'Italia, per avà, pare abbastanza incruciata.


Questa hè una traduzzione automatica da a lingua italiana di un post publicatu in StartMag à l’URL https://www.startmag.it/energia/in-italia-troppa-burocrazia-frena-lo-sviluppo-sostenibile/ u Mon, 05 Oct 2020 06:00:52 +0000.