Carica inversa, chì hà cumminatu Booking.com nantu à l’IVA?

Carica inversa, chì hà cumminatu Booking.com nantu à l'IVA?

Booking.com hà evadutu 153 milioni di TVA in Italia, secondu a Guardia di Finanza. Tutti i dettagli (cun ​​nota di l'impresa)

150 milioni d'euri di TVA. Sicondu i finanziarii di u Primu Gruppu di u cumandamentu provinciale di Genuva è Chiavari, questu hè u monte di evasione fiscale in Italia di u situ di prenotazione Booking.com.

Tutti i dettagli.

L'INQUESTA

Cuminciamu da u principiu. L'inchiesta hà iniziatu in u 2018 da una seria di valutazioni fiscali annantu à i gestiunarii di Bed & Breakfast situati, in particulare, in a zona ligure orientale.

L'evasione di riservazione

L'inchiesta purtata da i finanzieri di u Primu Gruppu di u cumandu provinciale di Genuva è Chiavari, guidata da u culunellu Ivan Bixio è u Capitanu Michele Iuorio, hà ancu purtatu à a participazione di Booking, una cumpagnia di prenotazione basata in i Paesi Bassi .

Da a ducumentazione emersa, spiega a Guardia di Finanza, chì "a cumpagnia Olandese emetteva fatture senza IVA applicendu u mecanismu chjamatu" reverse charge "ancu in i casi in cui l'installazione di l'alloghju ùn avia micca u lottu pertinente, cù a cunsequenza chì l'impositu ùn hè statu dichjaratu o pagatu in Italia ".

I BILLS

L'evasione fiscale, in bilanciu, sarebbe supera i 150 milioni di euro in IVA. Sicondu l'investigatori, coordinati da u sustitutu Giancarlo Vona è l'aghjuntu Francesco Pinto, chì anu attraversatu e basi di dati è i documenti messi à dispusizione da a stessa multinaziunale, Booking averia guadagnatu circa 700 milioni d'euros da e cumissioni applicate à 896.500 pusizioni da u 2013 à u 2019. clienti in Italia.

Per questu ammontu, a sucietà averia avutu da procedere cù a dichjarazione annuale di a TVA è pagà più di 153 milioni di euro in tasse à l'autorità fiscale.

RISERVA INESISTENTI PER L'IMPOSTA

Ma a riservazione per l'amministrazioni fiscali taliane ùn esiste micca. In realtà, a sucietà basata in Olanda ùn hà micca nominatu u so raprisentente fiscale, nè identificatu in Italia. A riservazione ùn hà micca presentatu a dichjarazione cunnessa "ottenendu cusì una evasione fiscale totale, chì ùn hè stata pagata nè in Italia nè in Olanda".

A RIPLICA DI A PRENOTAZIONE

"In ligna cù a legislazione europea di l'IVA, credemu chì tutte e nostre strutture partenarii in l'Unione Europea, cumprese quelle italiane, sò incaricate di valutà u pagamentu di l'IVA lucale è di u pagamentu à i so rispettivi governi". Hè cusì chì Booking.com hà cummentatu, in una dichjarazione ufficiale, a nutizia di l'inchiesta da a Guardia di Finanza di Genuva nantu à u sughjettu di l'evasione fiscale contr'à a sucietà, chì si occupa di e prenotazioni di viaghji in ligna. "Cunfirmemu chì avemu ricevutu u recente rapportu di stima di l'IVA da parte di l'autorità taliane, chì avà serà esaminatu da l'Agenzia di i Revenuti è chì intendemu investigà in piena cooperazione cù quest'ultima", si legge dinò.


Questa hè una traduzzione automatica da a lingua italiana di un post publicatu in StartMag à l’URL https://www.startmag.it/economia/reverse-charge-che-cosa-ha-combinato-booking-com/ u Thu, 10 Jun 2021 08:56:12 +0000.